eternità, libertà, amore.

Pubblicato il da aliceciango.over-blog.it

 

Per cadere più volte nel vortice lussurioso di qualche dio infame, un anno è stato sufficiente. 

oggi mentre conversavo sui san pietrini di una Roma trasteverina con un amico, ho riflettuto sull'eternità. 

tutto ciò che non muore è noioso. se l'amore fosse eterno non esiterebbe la passione, non esiterebbe quel calore interno che ti spinge alla parte più irrazionale del tuo io. 

il senso di eternità è perennemente morto, quasi inesistente. 

Dentro vive solo il senso di un'eternità fraterna, di un'eternità amichevole, ma appare comunque come contraddizione: ne io ne gli altri siamo eterni. 

il per sempre è relativo come la libertà, altra grande e impronunziabile parola . viviamo per raggiungere la libertà senza mai conoscerla. 

Perché spinti dal senso di libertà, affoghiamo la nostra vita in obiettivi che limitano l'istinto, limitano la voglia di volare?

essere liberi, innamorati in eterno è vita noiosa, la voglia di vivere prigionieri assalirebbe le menti psicotiche. 

viviamo nel limite di conoscere qualcosa di irreale. 

viviamo con la fantasia di poter scavalcare la mediocrità. 

viviamo nell'illusione di una libertà fittizia. 

il viaggio dona la consapevolezza di volare. quando sfiori con mani un cavallo che corre fra praterie, quando appena sveglio, ammiri il movimento irrefrenabile delle onde, percepisci realmente la libertà, capisci che le circostanze sono attimi, che le emozioni forti sono minuti.

tutto quello che vedi non dura, tutto quello che senti è pura emozione finita. il tempismo, l'attimo, l'emozione, diventano impareggiabili nel momento in cui sono legati da una strana forma di eternità del tempo determinato. in quell'istante, dimentichi la realtà e voli tra le libertà eterne di un'ispirazione sconosciuta. sei a tal punto alto che non vedi la terra, non esisti; un pò come i bambini, quando il loro sguardo si incanta sulle mani della mamma, quando quella catena è uno suggerimento di un sogno alle porte. 

l'amore, altro fardello mortale è l'emblema della mortalità più breve. 

l'amore è pura emozione che sfocia nell'istinto animale. 

in quell'istante sei libero da tutte le concezioni malate umane, sei in un tempo eterno che dura secondi di sguardi, secondi di parole sussurrate, secondi di abbracci, secondi di baci, secondi di amplessi. è magnifico.

condividere la tua liberà in un modo cosi intimo che solo il pensiero ti fa fuggire in una grotta buia, sei nudo, sei pienamente te stesso. 

nella mia vita è successo, ho incontrato quell'amore che rendeva tutto così eterno e così dannatamente mortale. 

ho amato in quella frazione di secondi su di nuvole e su di onde soffici che oggi sono doppiamente assassine. 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post